E' esclusa la possibilità della proposizione, nell'ambito del procedimento di divorzio, dell'azione di scioglimento dei beni immobili, di restituzione di beni mobili, di restituzione e pagamento di somme ovverossia di tutti quei beni acquistati in costanza di matrimonio, trattandosi di domande non legate dal vincolo di connessione ma in tutto autonome e distinte dalla domanda di divorzio. Trib. T.

- Leggi la sentenza -


Divorzio Giudiziale
Il Tribunale di Termini Imerese- in composizione collegiale- ha dichiarato inammissibile la domanda avanzata dai  coniugi di procedere allo scioglimento e alla contestuale divisione degli immobili acquistati in costanza di matrimonio.
Il Tribunale ha, invece, accolto la domanda di divorzio, sussitendone tutti i presupposti di legge, vale a dire il decorso di 6 mesi  dalla comparizione dei coniugi innanzi al Presidente del Tribunale per la separazione.