La norma agevolativa sul superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati (legge n. 13 del 1989) trova applicazione anche in presenza di persone che, pur non essendo diversamente abili secondo le condizioni previste dalle disposizione specifiche sul punto, siano comunque affette da disagi fisici e difficoltà motorie seppure non accertate o certificate.

- Leggi la sentenza -


Ad esempio anziani, ma non solo, donne in stato di gravidanza, persone che spingono passeggini per bambini ecc..

L'accesso di una persona svantaggiata (anche cioè solamente anziana) non è quindi un diritto personale, ma un diritto che va comunque riconosciuto.